PIETRE

LA VOCE NASCOSTA DELLE PIETRE

Buongiorno a tutti cari lettori! Da un paio di giorni sulla mia pagina Instagram gira la pubblicità delle mie collaborazioni con altri blog e con altri\e ragazzi\e che come me, sono appassionati al mondo della lettura e scrittura.  Tutte le recensioni o gli articoli pubblicati da i miei contributors li troverete nella sezione “Articoli Contributors”. Con questa breve introduzione sono felice di presentarvi la prima recensione di una ragazza che lavora con me!

TITOLO: La Voce nascosta delle pietre

AUTORE: Chiara Parenti

GENERE: Romanzi

CASA EDITRICE: Garzanti

Finalmente ci sono riuscita!

Finalmente, con un anno di ritardo, sono riuscita a leggere La voce nascosta delle pietre. Ricordo

che stavo tornando a casa da quello “splendido” posto che è la mia università, dopo un “felice” esame, e come spesso accade mi ritrovai a vagare per la bellissima Feltrinelli della stazione Santa Maria Novella.😍😍 Quando lo vidi, fu subito amore. Probabilmente lo avrei compratoanche senza conoscerne la trama. Come dice nonno Pietro, non bisogna scegliere la pietra giusta, ma bisogna sentirla, perché essa vibrerà sulla nostra stessa frequenza. Ecco, La voce nascosta delle pietre di Chiara Parenti, vibra esattamente sulla mia frequenza.

 

 

 

 

 

La voce nascosta delle pietre.

Luna adesso è una giovane donna, semplice, metodica, pragmatica, con una routine costante e sicura, un fidanzato dolce e premuroso. La sua vita è scandita dalle stesse abitudini, che si ripetono giorno dopo giorno. Ma prima di questa Luna ne esisteva un’altra, una ragazzina indomabile, sempre alla ricerca dell’avventura della sua vita. Ma soprattutto, una volta Luna credeva al potere delle pietre. Le sentiva vibrare, ogni pietra le parlava e lei comprendeva perfettamente il loro linguaggio muto.

Poi, la notte più bella della sua vita, si trasforma nel suo peggiore incubo. Quella notte il suo cuore si spezza e una barriera si erge attorno ai frammenti che ne sono rimasti. In Luna adesso, dopo tredici lunghi anni, non vi è più traccia della ragazzina spensierata che voleva viaggiare per il mondo in cerca di nuovi tesori. Adesso c’è solo una donna che non vede niente di più che semplici sassi colorati.

Per metà della mia vita ho pensato che la nascita di una gemma fosse una magia. Tutti gli elementi fondamentali, fuoco, aria, acqua e terra partecipano alla sua formazione nelle viscere del pianeta. […]
Anche il cuore di mio nonno pulsa allo stesso ritmo, e così faceva il mio, fino a che non è andato in mille pezzi.
Da allora ho smesso di credere ai sogni e alle fiabe, alle pietre e alla magia.

Tuttavia, le cose sono destinate a cambiare quando Leonardo ricompare nella vita di Luna, e come un uragano, si porta dietro il passato, il dolore e forse, chissà, cancellerà quest’eclissi di luna.

Un romanzo da amare.

Quando ho finito di leggere La voce nascosta delle pietre, non trovavo aggettivi per descriverlo perché nessuno mi sembrava lo rappresentasse appieno.

La trama generale è quella classica di un romanzo rosa, ma è perfettamente narrata tramite episodi passati e presenti che si inseguono in collegamenti finemente ricercati. La prima parte del libro, infatti, è un continuo susseguirsi di flashback che raccontano la vita di Luna ed è bellissimo vedere l’alternarsi tra il prima, quando le pietre erano magia pura, e il dopo, quando non sono altro che semplici sassi.

Chiara Pareti incanta il lettore con una prosa scorrevole e piacevole. Un ritmo incalzante che impedisce al lettore di fermarsi perché ogni pagina è adrenalina pura, ogni capitolo si conclude con un: “avanti, che fai, non vuoi sapere cosa accadde dopo?”. E così, più di trecento pagine, scorrono con uno scrocchio di dita.

Un libro veramente eccezionale, come dicevo, dalla trama perfetta, dove tutto è spiegato egregiamente ma senza annoiare, dove le descrizioni si trasformano in realtà da quanto sono accurate e allo stesso tempo leggere e mai noiose.

Nonno Pietro.

Impossibile non amare questo personaggio. La voce nascosta delle pietre, infatti, non riporta solo la classica love story tra lui, lei e l’altro. La cosa che infatti mi è piaciuta di più, è l’amore che lega Luna a nonno Pietro, un legame così profondo che è impossibile non invidiarlo.

Adoravo le storie di mio nonno, le avrei ascoltate per ore. La storia che volevo mi raccontasse quel giorno, poi, era la mia preferita perché era quella della nostra famiglia, che da sempre gravitava attorno al mondo delle pietre.
L’avevo sentita almeno un migliaio di volte, ma mi faceva sempre un certo effetto pensare che nelle mie vene non scorresse sangue come negli altri bambini, ma il potente spirito dei <cacciatori di gemme>.

Lui incarna il Super Nonno che tutti i bambini vorrebbero, ma come lui stesso dice, è una pietra dalle mille sfaccettature, e non si finisce mai di scoprine nuove.

La magia delle pietre.

Io sono sempre stata affascinata da pietre preziose e cristalli. “Come ogni donna”, direte voi. E infatti avete ragione, 😂 ma non mi piacciono solo sopra qualche anello, mi sono sempre piaciute proprio come sassi. E questo libro ha fatto due piccoli miracoli per me.

Il primo è proprio legato proprio alle pietre. Perché, come dicevo, ne sono sempre stata un po’ affascinata anche se onestamente non saprei riconoscere uno smeraldo da un pezzo di vetro verde eh. E leggendo La voce nascosta delle pietre mi è tornato in mente quando mi è partita questa fissa. Avevo completamente rimosso (e tutt’ora i ricordi sono nebulosi) una gita scolastica fatta alle scuole elementari. In tutta sincerità, non ricordo dove andammo, ricordo solo che ci portarono a visitare uno scavo di…quarzi (?, davvero, i miei ricordi sono molto confusi). Ma ricordo le venature sulla roccia, il caschetto protettivo, e il museo a parte con tutte queste pietre, che all’epoca mi sembrano giganti, che sbrilluccicavano tantissimo. (Credo che andrò a ricercare informazioni da mia madre riguardo a questa storiella XD)

Il secondo miracolo è la Thailandia. Ragazzi io sono una che se ci parlate vi dice che vorrebbe andare in Giappone, in Australia, in America, ecc… (Ovviamente, con la famosa vincita della lotteria che tutti sogniamo). Però, la Thailandia non mi era mai passata per la mente. Anzi, quando sentivo qualcuno andarci, storcevo un po’ la bocca perché proprio non mi ispirava assolutamente. Ecco, vi giuro che adesso ho una voglia di andarci in vacanza incredibile! Nonostante le descrizioni dei luoghi sono state poche perché quello che contava era il succo della storia, io mi sono innamorata di quelle poche parole che ci sono state spese.

In conclusione… ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️/5

Quindi direi che se un libro è capace di farti innamorare di un luogo che non hai mai visto, se è capace di fartelo vedere tramite le sole parole, direi che è un libro da cinque stelle. E questo infatti è il mio voto.

Perché mi ha fatto piangere più e più volte, perché mi sono trovata in profonda sintonia con Luna, perché ho amato tantissimo il nonno, perché appunto, sono riuscita a vedere e sentire i profumi della Thailandia non essendoci mai stata.

Se non lo aveste capito, correte a leggerlo: è bellissimo. La voce nascosta delle pietre è un libro che vi scalderà il cuore.

Baci,
G.

LINK DIRETTO INSTAGRAM

LINK DIRETTO BLOG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *