la psichiatra

LA PSICHIATRA: non fidarti nemmeno di te stesso.

TITOLO: La psichiatra
AUTORE: Wulf Dorn
GENERE: Thriller
CASA EDITRICE: Corbaccio

Cari lettori sono felicissima di presentavi uno dei mie libri preferiti: LA PSICHIATRA.

Ero al quinto anno di superiori, periodo natalizio, quindi periodo di relax. Conoscete un modo migliore per rilassarvi che non sia la lettura? Io no. Quel giorno corro in libreria, decisa a prendere un libro che mi aveva consigliato una mia compagna di classe. Eccolo li! Sul ripiano, insieme ad altri infiniti libri. Ricordo pure che è stata la prima volta in assoluto che ho perso meno di un secondo in libreria, di solito amo girare e rigirare fra gli scaffali. Ma il discorso non è questo, sto divagando! Dicevo che dopo aver acquistato il libro, mi sono chiusa nella mia stanza e ho iniziato quello che, da li a pochissime ore, sarebbe diventato uno dei miei libri preferiti. Si, avete capito bene, ho parlato di POCHE ORE, sapete perché? Perché il libro non l’ho letto, l’ho DIVORATO!

La protagonista del libro è una psichiatra, la dottoressa Ellen Roth. Tra i tantissimi casi che le capitavano quotidianamente e a cui lei era ormai abituta, spiccava il caso di una paziente che era stata seviziata, picchiata e che mugolava continuamente parole insignificanti. Ripeteva di continuo che l’Uomo Nero la stava cercando. La storia si complica nel momento in cui, la paziente scompare dall’ospedale senza lasciare traccia. Per Ellen inizia l’incubo. Chi è quella donna? Che le è successo? Chi è veramente l’Uomo Nero?

Già dalla trama potete capire, che siamo davanti ad un libro, che tutto è, tranne che semplice e tranquillo. Lo scrittore ha realizzato, a mio avviso, qualcosa di eccezionale. Riesce in un modo o nell’altro a tenerti incollata al libro, a trasmettere un’infinità di emozioni: dalla curiosità, alla tristezza, alla paura. Molte parti del libro riescono a dare talmente tanta suspance e sono così realistiche, che sembra di ritrovarti lì, insieme ad Ellen; sembra addirittura, di riuscire a provare quello che realmente lei prova durante la sua ricerca.

Ricordo, sorridendo, che alcune scene in particolare mi hanno trasmesso talmente tanta ansia, che avevo paura che l’Uomo Nero potesse sbucare da un momento all’altro, da qualsiasi parte della mia stanza. Ho solo una parola per questo libro: FANTASTICO. Più leggi e più vuoi leggere, perché lo scrittore ti permette di scoprire tutto ma in maniera molto lenta, lasciando al lettore, la libertà di immaginare quello che succederà nei capitoli successivi. Ho pensato ad almeno 1000 finali diversi! Ma vi posso assicurare che non è per nulla scontato!

Mi sembra al quanto ovvio dirvi che consiglio la lettura di questo libro.
Cosa ne pensate voi? Avete avuto le mie stesse impressioni?
Vi aspetto FedericaChinnici

5 pensieri su “LA PSICHIATRA: non fidarti nemmeno di te stesso.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *